Luna nascente sul mare, Caspar David Friedrich

Salve! 

Questa sera analizzeremo un dipinto molto bello di Caspar David Friedrich, pittore tedesco e grande esponente del romanticismo. Il titolo è “Luna nascente sul mare”. Vediamo precisamente di quale si tratta: 

Questo quadro risale al 1822, le sue dimensioni sono 55×71 centimetri ed è ubicato presso la Nationalgalerie di Berlino. 

Esso presenta un paesaggio piuttosto cupo: degli scogli, il mare e un cielo dai colori scuri. Su questi scogli siedono tre persone di spalle (elemento molto ricorrente nelle opere di Friedrich) che guardano dritto dinanzi a loro verso il mare in cui sono presenti due velieri; in lontananza vi è la luna che sta per sorgere. Come potete vedere, i colori sono quasi spenti: prevalgono il grigio, il marrone, il nero e il violetto delle montagne. L’unica parte più illuminata è quella della luna bianca con intorno una sorta di rosato e arancione.  

Le tre figure osservano degli spazi illimitati e questa è una concezione fortemente legata alla corrente romantica che si può esprimere con il termine tedesco “sensucht”, ossia tensione verso qualcosa di irraggiungibile. Secondo l’artista il mare e la natura sono due elementi che l’uomo non smette mai di contemplare e con i quali cerca un’unione. Ciò lo riprende da Kant il quale aveva operato una distinzione tra fenomeno e noumeno ritenendo il fenomeno realtà come unica apparenza che l’uomo è in grado di percepire. Il mare, il cielo e gli scogli divengono un tutt’uno, si fondono. Si riescono a distinguere solo le tre persone e le due navi. I critici hanno interpretato tale quadro come una meditazione allegorica sulla morte e sul destino dell’uomo, dovuto anche alle vele delle navi leggermente abbassate che starebbero a indicare una seconda navigazione che guida l’uomo da una vita terrena a una spirituale. La luna che prevale quasi sull’oscurità simboleggia la luce e dunque rappresenta Dio; le tre figure potrebbero rappresentare le tre virtù teologali ovvero fede, speranza e carità. Tra l’altro sono piuttosto piccole e questo indica un altro fattore importante, cioè la fragilità dell’uomo dinanzi alla morte e al non essere in grado di capire i misteri dell’eternità. La religione è molto presente nei dipinti di Friedrich e spesso vi è proprio Gesù. Il fatto di creare dei paesaggi cupi e notturni lo riprende dal poeta Novalis, dal panteismo naturalistico del filosofo Spinoza e dal concetto del sublime di Kant. Un altro esempio di paesaggio cupo e, oserei dire, anche sconfinato è “Il viandante sul mare di nebbia”, altrettanto stupendo. Sembra quasi che il viandante stia riflettendo, è qualcosa che si percepisce. 

Ad ogni modo, nelle sue opere vi sono caratteristiche che si possono riscontrare nel romanticismo, ad esempio il tormento interiore, il classico “Stürm und drang”, tempesta e impeto, movimento culturale che va dal 1765 al 1785. 

 Personalmente, insieme al “Viandate sul mare di nebbia”, credo che questo sia uno dei dipinti migliori di Friedrich in cui è possibile leggere la vera essenza del romanticismo. La prima volta che l’ho visto su un libro di scuola, contrariamente al suo significato, mi ha trasmesso pace poiché ho avuto l’impressione che queste tre figure guardino in lontananza con la speranza accesa nel proprio cuore, come se stessero attendendo qualcosa di bello e inaspettato. Chiaramente potrei anche sbagliarmi ma è ciò che ho sentito al primo sguardo. 

Prima di lasciarvi, voglio farvi una proposta: nel caso in cui vogliate sapere il significato di un’opera d’arte in particolare o semplicemente l’analisi, sentitevi liberi di chiederlo, se vi va! Potete scrivermelo qui nei commenti e può trattarsi di una scultura, di un dipinto o anche qualche di monumento. Qualunque cosa vogliate sapere. Ve lo sto dicendo perché voglio coinvolgervi ulteriormente, per instaurare un dialogo con voi e per condividere maggiormente. Nel caso in cui non vogliate, continueremo a fare come fin’ora.

Un abbraccio a tutti! 🙂

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Vincenzo
    Lug 09, 2017 @ 10:05:13

    Un dipinto di Hieronymus Bosch, se ti va😉

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. ilmestieredileggereblog
    Lug 09, 2017 @ 12:13:37

    Bello, mi piacciono molto le opere del periodo romantico! anch’io sono molto appassionata di arte, non ti chiedo un’opera specifica ma verrò a leggerti!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. Italo Bonassi
    Lug 09, 2017 @ 13:49:35

    La descrizione mi pare sia all’altezza dell’opera. Quasi quasi mi ricredo sul romanticismo.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. Stefano
    Lug 12, 2017 @ 17:03:33

    Una bellezza!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: