Sícílíë pittura fiamminga

Buonasera a tutti!
Voglio parlarvi di una mostra molto bella che ho visto giusto martedì e che rimarrà allestita a Palermo fino al 28 Maggio. Si tratta di una mostra intitolata “Sícílíë pittura fiamminga” al cui interno vi sono dipinti di vari artisti, tra cui Van Dyck.

Molti quadri sono incentrati sulla figura di Gesù Cristo e quindi, ad esempio, vi è la crocifissione e non solo. Le cose che più mi hanno colpito di tale mostra sono le seguenti:
-I trittici. Ve ne sono di incantevoli e, devo dire, che apprezzo parecchio questo genere di dipinti perché possono essere incentrati su tre diversi momenti oppure su tre momenti strettamente legati fra loro. Mi hanno colpito molto i colori e la raffinatezza con cui sono ritratti i soggetti;
-I dipinti molto grandi. In particolare ve sono due immensi e di essi mi ha colpito la luce che sprigionano, specie in uno dei due dove uno dei soggetti tiene in mano una fiaccola e sembra realmente che quella fiamma illumini l’intero ambiente;
-Un dipinto riguardante la morte di Cristo in cui una donna, suppongo Maria, sta piangendo e le lacrime sono così vere che pare quasi di toccarle se si potesse porre un dito sulla tela;
-Una serie di codici scritti in latino e con i tipici caratteri che venivano utilizzati un tempo. Semplicemente favolosi, con quei colori e quei piccoli disegni che riportano a un’altra epoca. Sapete cosa mi ricordano? I libri che talvolta si vedono all’inizio dei cartoni Disney, che narrano tutta la storia.
La sala in cui sono esposte le opere ha le pareti rosse e mi è piaciuta parecchio. Unica nota dolente di questa mostra sono le luci un po’ scarse che non illuminano i quadri nel migliore dei modi; le foto possono essere scattate rigorosamente senza flash e se avete con voi degli zaini, dovrete porli non sulle spalle ma davanti, per ragioni di sicurezza.
Se siete di Palermo o semplicemente in visita, vi consiglio di andarla a vedere perché vi assicuro che non ve ne pentirete. Peraltro, il costo del biglietto è di sei euro e comprende perfino la visita della Cappella Palatina, altro tesoro da non perdere e visitata ogni giorno da milioni di turisti. Per cui, ottimo. Ma anche se il biglietto avesse un prezzo più elevato, sarebbero comunque soldi ben spesi.
Vi allego un paio di foto che ho scattato alla mostra e, già che ci sono, approfitto per annunciarvi una cosa: ho da poco aperto un sito tutto mio incentrato solamente sull’arte!
Chiaramente, continuerò ad occuparmi del blog. Quindi se volete vedere contenuti nuovo, diversi da quelli che inserisco qui in ambito artistico, allora vi lascio il collegamento diretto al sito: BELL’ARTE IN SALOTTO

Peraltro, tale mostra è il primo argomento che ho trattato sul sito e mi sembrava giusto condividerlo con voi! Se vi va, seguitemi anche lì e se conoscete persone interessate all’arte, spargete il più possibile la voce, mi farebbe piacere.
Detto ciò, vi lascio alle foto, un bacio!

Annunci

Van Gogh Multimedia Experience

Buon pomeriggio!

E’ da molto che voglio parlarvi della mostra multimediale di Van Gogh che sono andata a vedere qualche mese fa e che è ancora in atto a Monreale presso il Complesso Monumentale Guglielmo II, in provincia di Palermo, e rimarrà allestita fino al 29 Aprile (ha avuto inizio il 25 Novembre). Non ve ne ho parlato prima perchè ho caricato anche le foto al computer e ho perso un po’ di tempo, perchè chiaramente vi mostrerò qualche scatto nonostante non sia perfetto!

Bene, innanzitutto all’entrata, nell’area in cui si fanno i biglietti vi è una zona sulla sinistra interamente dedicata ai gadgets raffiguranti i dipinti di Van Gogh, specie “Notte stellata”. Io purtroppo non ho comprato nulla ma avrei tanto voluto farlo ed è per questo motivo che, molto probabilmente, ci andrò una seconda volta sia per vedere la mostra sia per acquistare qualcosa. Ho visto dei foulards, dei portafogli e così via. Insomma, come inizio non c’è male e vale proprio la pena dare un’occhiata a questo angolino e mettere le mani in tasca!

La mostra è suddivisa in quattro zone principali, ovvero: il lungo corridoio nel quale è possibile conoscere la vita dell’artista, tappa per tappa, mediante dei dipinti appesi sulle pareti o proiettati da alcuni schermi con spiegazioni annesse; la sala 3D (di cui vi parlerò fra poco più nel dettaglio); la camera di Van Gogh e la sala delle proiezioni.

Andiamo per ordine:

1. La prima zona, come dicevo, è il lungo corridoio dove appunto è come se si camminasse passo passo nella vita di Van Gogh. La sua biografia è proiettata da schermi insieme ai suoi quadri, dai primi agli ultimi. Tutto è avvolto da una luce blu poichè sul soffitto è proiettato “Notte stellata” e di sottofondo si può udire una melodia dolce e lenta che ti invita proprio a proseguire il percorso e che crea un’atmosfera magica lungo il sentiero.

IMG_0174

IMG_0184

IMG_0177

IMG_0175

IMG_0186

IMG_0195

IMG_0194IMG_0190

IMG_0189

IMG_0187

2. La sala 3D è un modo per entrare proprio a contatto con i dipinti dell’artista. Una donna fa prendere posto su degli sgabelli e dà le varie istruzioni. Si indossano degli occhiali 3D in cui si vede una sala in cui si trova seduto Van Gogh su di una sedia, un pianista che suona e sul pianoforte vi è il vaso con i girasoli; i personaggi si alzano e li si può seguire voltandosi sul lato destro o sinistro con la testa o con tutto il corpo ma sempre restando seduti, perchè non è possibile alzarsi (magari si potrebbe anche uscire dalla stanza e non accorgersene nemmeno dal momento che si indossano gli occhiali!). Si sente anche la musica suonata dal pianista. Tutto in quel momento prende vita e ci si sente parte integrante di quei disegni, si crede di poter toccare le superfici o gli stessi personaggi con le proprie mani (io per prima ho cercato di toccare il pianoforte e ho mosso realmente la mano!). E’ bellissimo. Il tutto dura poco poichè sono poche le stanze in cui si può “entrare”. Purtroppo di questa parte non ho potuto scattare alcuna foto!

3. La camera di Van Gogh è molto particolare. Non so se vi è mai capitato di vedere il dipinto di Van Gogh della sua camera da letto molto sobria, semplice. Ce l’avete presente? Ecco! Pensate, l’hanno ricreata dal vivo. Io l’ho trovata identica e davvero stupenda. Questa stanza è avvolta dal silenzio, a differenza delle altre zone, così da permettere di porvi dinanzi ad essa e di poterla osservare con attenzione nei minimi dettagli ma soprattutto in modo da sentirvi realmente nella camera del pittore, come se foste degli ospiti ben accetti e che Van Gogh attendeva con ansia.

IMG_0215

IMG_0212

4. L’ultima zona è la sala delle proiezioni. Si tratta di un grande salone ai cui lati vi sono dei grandi proiettori in cui si vedono dipinti ma anche frasi pronunciate dall’artista e alcune di esse sono splendide, vere e che toccano nel profondo, specie essendo a conoscenza della vita e dello stato d’animo di Van Gogh; inutile dirvi che anche lì vi era musica di sottofondo a riempire la sala. Leggendo tali parole ci si rende conto quanto in realtà lui fosse vicino a ognuno di noi più di quanto avremmo immaginato, quanto fosse simile a noi per i sentimenti, le sensazioni che provava, chi più chi meno, chiaramente; ma soprattutto ci si accorge della sua visione del mondo, il modo in cui vi si approcciava, il suo sguardo attento nei confronti della gente e di tutto ciò che lo circondava che gli consentì di realizzare capolavori.

IMG_0216IMG_0208IMG_0207IMG_0206IMG_0205

IMG_0200IMG_0198IMG_0196

Penso abbiate capito ormai cosa penso di questa mostra. Credetemi, ne sono rimasta a dir poco incantata, anche perchè è una continua sorpresa. Ogni area è più bella dell’altra. Tra l’altro, era da tempo che volevo tanto vederla perchè è stata allestita in varie parti del mondo, inizialmente all’estero. E finalmente adesso è vicino a me! Quest’estate, se non sbaglio, era stata allestita anche a Taormina ma io non ero potuta andare a vederla. Quando sono uscita da lì, avevo voglia di rivederla e penso che prima della sua chiusura, mi recherò un’altra volta. Se non ci siete stati e abitate a Palermo o in provincia di Palermo o vi trovate semplicemente in visita, vi consiglio vivamente di andare a vederla perchè ne vale veramente la pena, non ve ne pentirete. Sono soldi ben spesi e, oltretutto, è un costo accessibile considerando la bellezza della mostra. Il prezzo intero è di circa 12 euro, mentre quello ridotto è di 8 euro. Su questo link troverete anche gli orari: http://www.palermotoday.it/eventi/mostra-van-goh-multimedia-experience-monreale.html

Sono certa che questa mostra farà il giro d’Italia o almeno lo spero così da dare a tutti la possibilità di vederla. Ah, a proposito: per quanto riguarda il film interamente dipinto “Loving Vincent”, vi informo che è uscito in DVD e Blue-Ray e che è possibile vederlo anche in streaming! Vi lascio con un’ultima foto tratta dalla sala delle proiezioni che raffigura una frase di Van Gogh più vera che mai.

IMG_0197

“Uno potrebbe avere un cuore in fiamme nella propria anima e nessuno che ci si sieda accanto per scaldarsi. I passanti vedono solo una traccia di fumo e continuano per la loro strada”.

 

Un abbraccio a tutti! 🙂